Nuovi accorpamenti
nel settore energetico russo

05/03/2010

La Russia si prepara a riaccorpare alcune aziende energetiche – come nel 2005 e 2007 – per favorire maggiore competitività ed efficienza. Sebbene Gazprom e Rosneft si occupino di settori diversi – rispettivamente di gas e petrolio – sono sempre in competizione fra loro e più volte hanno sconfinato nella sfera dell’avversario. I due colossi energetici fanno capo a diversi clan politici all’interno del Cremlino: Gazprom al clan di Vladislav Surkov, Rosneft al clan del vice primo ministro Igor Sechin.   Nel settore agiscono altre aziende minori oltre Gazprom e Rosneft: ad esempio LUKoil, che è privata – e sa bene che per restare sul mercato non deve scontrarsi con gli interessi del Cremlino.  Vi sono inoltre altre piccole aziende come Novatek – che produce  gas per il consumo interno – e TNK-BP – una joint venture russo-britannica che ha avuto notevoli problemi in passato. Invece nelle regioni musulmane vi sono Tatneft e Bashneft  che operano in maniera autonoma. Tutte questa aziende – insieme ad altri piccolissimi privati – gestiscono giacimenti relativamente grandi, anche se non hanno il potere strategico di Gazprom e Rosneft.   Secondo voci ufficiose raccolte da Strategic Forecast  Novatek sarebbe vicina ad un accordo con Rosneft. Attualmente Gazprom possiede il 19% di Novatek, ma si dice che il Cremlino avrebbe deciso di ridurre la quota di Gazprom a meno del 10% e  abbia spinto Novatek e Rosneft ad allearsi.  Invece Gazprom si alleerà con un nuovo giovane partner, creato dalla fusione di tre piccole aziende – Sibneftegaz, Purgaz e Nortgaz – in Itera. Le tre aziende unite equivalgono più o meno all’intera Novatek. Dopo queste fusioni nel settore energetico russo rimarranno esclusivamente cinque attori,  divisi in tre fazioni diverse: Rosneft e Novatek; Gazprom e il suo nuovo alleato; e LUKoil.    Rivoluzionando il settore energetico Mosca intende aumentare la concorrenza fra Gazprom da una parte e Novatek e Rosneft dall’altra. Anche Rosneft però deve incrementare il proprio livello di efficienza, e dunque il Cremlino ha deciso di non rinnovare la concessione dei giacimenti di Kovytka – i più grandi giacimenti della Siberia orientale – a TNK-BP e di affidarli invece a Gazprom. Dato che finora l’energia della Siberia orientale era gestita da Rosneft, l’ingresso di un nuovo concorrente creerà  competizione.   Con queste mosse il Cremlino e Vladimir Putin vogliono stimolare la crescita economica e favorire la competizione fra le diverse aziende energetiche –  ma  rigorosamente sotto l’egida dello stato:  Rosneft infatti si occuperà di una parte del settore tradizionalmente gestito da Gazprom per renderlo più efficiente mentre Rosneft farà altrettanto nella Siberia orientale.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.