I Sauditi contano gli amici
e scartano il Libano

24/02/2016

L’Arabia Saudita sta chiedendo più lealtà ai paesi arabi nell’alleanza ‘contro il terrorismo’, che in realtà è un’alleanza contro l’Iran. L’Arabia Saudita elargisce ricchi aiuti e concede grandi finanziamenti ai paesi islamici. Ma il 23 febbraio 2016 il re Salman ha deciso di togliere 5 miliardi di aiuti militari al Libano, dove gli Hezbollah sostengono Assad e l’Iran, per trasferirli al Sudan. La rivalità fra Iran e Arabia Saudita è ufficiale, dopo l’attacco all’ambasciata saudita a Teheran di gennaio 2016. La diplomazia saudita è ora molto attiva nello stringere alleanze militari con paesi disposti a mandare soldati a combattere sul terreno, cioè soprattutto con Egitto, Giordania e Sudan. Venti paesi sunniti hanno recentemente partecipato a manovre militari sotto il comando dei Sauditi.

Gli aiuti e le spese militari incidono fortemente sul bilancio saudita, che è molto impoverito dai bassi prezzi del petrolio. Il bilancio 2015 dello stato si è chiuso con una perdita netta di 98 miliardi di dollari, e questo ha indotto i Sauditi a non aumentare gli aiuti, bensì spostarli da un paese all’altro, da un obiettivo all’altro. Il Libano è il primo paese a essere apertamente penalizzato, sia perché non reprime Hezbollah − gruppo sciita alleato dell’Iran − sia perché ha rifiutato di condannare ufficialmente l’attacco all’ambasciata saudita a Teheran. Il Sudan, invece, ha recentemente espulso l’attaché culturale iraniano e ha inviato truppe in Yemen in aiuto ai Sauditi.

Il governo libanese ha annunciato un giro di visite ai paesi del Golfo, evidentemente alla ricerca di fondi sostitutivi.

                  

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.