Un esercito di bruchi mette in ginocchio la Cina?

14/06/2019

All’epidemia di peste suina africana che ha colpito recentemente la Cina si aggiunge un altro flagello: milioni di bruchi africani capaci di divorare totalmente in poche ore grandi distese di mais e di altre 80 specie vegetali sono arrivati a inizio anno nello Yunnan meridionale, tramite l’India, e si sono già espansi in altre 18 province.

La Cina è il secondo maggiore produttore mondiale di mais, ma non ne esporta molto: la maggior parte serve per il consumo domestico. Il maggior esportatore globale di mais sono gli Stati Uniti. Ma in previsione di una possibile contrazione di mercato a seguito della guerra dei dazi con Messico e Cina, nonché a seguito di un periodo di anomale inondazioni, gli agricoltori americani quest’anno hanno ridotto la semina di mais.

Il terzo maggior produttore globale di mais è il Brasile, che ha invece aumentato molto la piantagione rispetto allo scorso anno, altrettanto ha fatto l’Argentina. I due paesi saranno i principali beneficiari della richiesta cinese. Tuttavia i prezzi del mais sono già saliti nelle ultime settimane, in previsione di una grande scarsità di mais sul mercato globale rispetto alla domanda. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.