La Cina e il Mare Cinese del Sud

13/05/2009

Entro il 13 maggio 2009 ogni paese dovrà sottoporre al vaglio della Commissione delle Nazioni Unite per l’Estensione della Piattaforma Continentale eventuali rivendicazioni territoriali e marittime al di là delle 200 miglia nautiche standard.

Di solito l’estensione della piattaforma è legata alla ricerca di fonti energetiche e minerarie sottomarine o alla pesca, ma può anche essere utilizzata per proiettare la propria influenza al di là dei confini nazionali. Questo è il caso del Mar Cinese Meridionale, conteso fra la Cina e altre potenze regionali.

Il 10 maggio, dopo un confronto diretto fra alcune navi cinesi e una nave da ricognizione statunitense – la USNS Impeccable – 90 kilometri a sud dell’ isola di Hainan, la Cina ha deciso di inviare a sua volta una nave – la Yuzheng 311 – a pattugliare il Mare Cinese. A questa dovrebbe affiancarsi nel 2010 un secondo vascello capace di trasportare elicotteri.

La Marina militare cinese è composta da tre flotte: la flotta del Mare Settentrionale (Beihai), del Mare Orientale (Donghai) e del Mare Meridionale (Nanhai).

·  La prima è dislocata nell’area compresa fra la provincia di Shangdong e il confine coreano;

·  la seconda è responsabile dell’area compresa fra la provincia di Jiangsu a quella di Fujan – inclusa Taiwan;

·  la terza è attiva nel Mare Meridionale.

Pechino sta pensando di ricollocare le navi all’interno delle flotte e di spostare i cacciatorpedinieri più efficienti dalla flotta settentrionale a quella meridionale, per incrementare il numero di operazioni e aumentare la propria presenza nella regione.

Il Mar Cinese Meridionale, dove già operano diversi vascelli statunitensi che compiono attività di ricerca, diventerà sempre più affollato man mano che Cina e Stati Uniti espanderanno le loro attività navali. Anche gli altri attori regionali – Australia, Malesia, Vietnam e Indonesia – hanno deciso di incrementare le operazioni marittime per controllare la situazione.

Con un eccessivo sovraffollamento di navi il numero di incidenti potrebbe aumentare, con il rischio di un’escalation militare.

 

Prosegui con:

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.