Il Marocco rompe i rapporti con l’Iran

08/05/2018

Cliccare sulla mappa per ingrandirla.

Il Marocco ha annunciato la chiusura dell’ambasciata iraniana a Rabat, accusando il governo iraniano di fornire missili terra-aria e altre armi al fronte Polisario nel Sahara Occidentale, regione che il Marocco considera appartenente al proprio territorio, ma che alcune tribù locali vogliono indipendente. La consegna delle armi avverrebbe tramite Hezbollah, da tempo molto attiva nel contrabbando internazionale di armi, droga e clandestini che attraversa l’Africa subsahariana.

I rapporti diplomatici fra i due paesi erano già stati interrotti nel 2009, perché l’Iran appoggiava la rivolta sciita in Bahrein contro l’emiro locale, alleato del Marocco.

Anche l’Algeria, che con il Marocco confina, sostiene la ribellione del Fronte Polisario nel Sahara Occidentale. Lo scorso aprile il Marocco ha denunciato all’ONU l’Algeria per il suo ruolo nel sostenere i ribelli. Si profila così uno schieramento che vede l’Algeria e l’Iran sostenere insieme milizie ribelli contro il Marocco, sostenuto invece dai paesi del Golfo. È la stessa divisione in atto in Medio Oriente fra filo-iraniani e oppositori dell’Iran, raggruppati politicamente attorno all’Arabia Saudita. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.