L’Algeria di fronte al cambiamento

23/03/2017

Dall’inizio delle ‘primavere arabe’ nel 2011 l’Algeria ha mantenuto pace e stabilità, a differenza degli stati vicini. Il governo, autoritario e nazionalista, è presieduto da Abdelaziz Bouteflika fin dal 1999. Ma Bouteflika è anziano e malato, le elezioni si avvicinano. L’economia ha bisogno di profonde riforme che riducano il clientelismo, aumentino le tasse, riducano le sovvenzioni (ora 45 miliardi di dollari l’anno!) e aboliscano i prezzi politici di alcuni beni di prima necessità.

L’economia dell’Algeria è legata all’esportazione in Europa del gas e del petrolio. L’abbassamento dei prezzi dell’energia ha prodotto voragini nel bilancio dello stato. L’Algeria produce poco, al di là dell’energia, e importa gran parte dei beni necessari alla vita dei suoi cittadini. Inoltre c’è ancora grande disparità fra il livello di vita delle élite cittadine e quello del resto della popolazione.

La spesa pubblica rimane alta, anche se gli introiti si sono ridotti del 40% in cinque anni. Le riserve monetarie erano molto elevate e l’Algeria le sta spendendo per non abbassare il livello di vita dei cittadini. Ma una conseguenza fortemente negativa di questa politica è la crescita dell’inflazione.

Ora che le elezioni si avvicinano e Bouteflika sembra fuori gioco per il futuro, pare inevitabile che il futuro governo debba prendere provvedimenti impopolari. Gas e petrolio sono nazionalizzati, gli enti che gestiscono produzione e vendita di energia sono enormi carrozzoni pubblici che alimentano grandi clientele a sostegno del governo. Gli investimenti stranieri in questo campo, che ora sarebbero necessari per investire in nuovi impianti, aumentare la produttività e diminuire i costi, non sono possibili. L’Algeria sta però cercando di promuovere investimenti dall’estero nell’agricoltura e nell’industria di trasformazione dei prodotti agricoli.

Anche il settore finanziario e bancario è sottosviluppato e arretrato in Algeria, ma il governo sta cercando di aggiornarlo e svilupparlo, pur nel rispetto delle norme islamiche che proibiscono l’interesse (ma permettono la partecipazione al rischio), per poter raccogliere fondi sul mercato internazionale, così come fanno gli altri paesi arabi. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.