Un intervento che farà scuola?

30/01/2017

La Comunità Economica degli stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS) ha compiuto un gesto estremo e inusuale: vista la resistenza di Yahya Jammeh a lasciare il potere in Gambia, nonostante il risultato delle elezioni, ha autorizzato gli stati aderenti a intervenire militarmente. L’ONU ha approvato la decisione. Truppe del Senegal e della Nigeria hanno attraversato al frontiera del Gambia il 19 gennaio 2017. Nel frattempo il vincitore delle elezioni dello scorso dicembre, Adama Barrow, ha giurato fedeltà alla Repubblica del Gambia… a Dakar, in Senegal. È una procedura quanto mai anomala che organismi sovranazionali autorizzino un intervento armato in uno stato nazionale a sostegno di una scelta elettorale. È difficile prevedere come verrà usato questo precedente in casi futuri.

L’esercito del Gambia non ha opposto resistenza, ma la collaborazione dei militari con il nuovo capo di governo non è ancora cosa certa.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.