L’Iran vuole una propria milizia in Iraq

08/06/2016

L’Iran esercita influenza in Medio Oriente grazie alle milizie armate che finanzia e addestra: Hezbollah in Libano e Siria, Hamas a Gaza, e il Movimento Hirak di Resistenza Meridionale in Yemen. Ora ha deciso di organizzare una forza armata sciita in Iraq che ingloberà le attuali Brigate Khorasani, già attive nella guerra civile irachena, e opererà in alternativa all’esercito regolare, proprio come accede in Iran, dove gli eserciti sono due e dipendono da due autorità diverse: l’esercito civile vero e proprio e le Guardie della Rivoluzione. A fine maggio i Sauditi hanno dichiarato che la costituzione di un esercito alternativo sciita in Iraq è inaccettabile. Anche i Sunniti e i Curdi iracheni sono molto allarmati, così come la Turchia. Sunniti, Curdi e sciiti in Iraq collaborano per sconfiggere l’ISIS, ora questo annuncio potrebbe portare all’interruzione di tale collaborazione. Forse l’Iran ritiene che l’Iraq non potrà continuare a rimanere un unico stato e perciò vuole occupare il sud del Paese e Bagdad con milizie sciite, lasciando andare le regioni del centro-nord abitate da sunniti e Curdi? Nel sud dell’Iraq ci sono i luoghi santi sciiti, ci sono grandi giacimenti di petrolio e c’è l’accesso sul Golfo. Gli avvenimenti dei prossimi mesi dovrebbero chiarire che soluzione vuole l’Iran per la guerra civile irachena. 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.