Il Parlamento Europeo

20/09/2014

Il Parlamento europeo (o Europarlamento) è l'unica istituzione europea eletta direttamente dai cittadini. Svolge la funzione legislativa insieme al Consiglio UE, che rappresenta gli stati membri. 

I membri dell’Europarlamento sono 751, eletti ogni 5 anni a suffragio universale dagli oltre 388 milioni di cittadini dell’Unione Europea. Il numero di eurodeputati per ogni paese è approssimativamente calcolato in funzione della popolazione. Un paese non può avere meno di 6 o più di 96 deputati e il numero complessivo dei deputati non può essere superiore a 751 (750 più il Presidente). I gruppi parlamentari sono organizzati in base allo schieramento politico, non in base alla nazionalità.

Il Presidente viene eletto per un mandato di due anni e mezzo, per cui in ogni legislatura del Parlamento europeo si alternano due presidenti. I presidenti sono indicati a turno dai due maggiori schieramenti partitici rappresentati in Parlamento, e sono votati a maggioranza da tutti i parlamentari. I vicepresidenti sono ben 14.

Le sessioni del Parlamento si svolgono a Strasburgo e a Bruxelles e sono aperte al pubblico. Le venti commissioni parlamentari - una per argomento - si riuniscono sempre a Bruxelles. Però il Segretariato Generale del Parlamento, che assiste gli Europarlamentari, ha sede in Lussemburgo, soltanto i Direttorati Generali più importanti sono a Bruxelles.

Dal 1993 un cittadino dell'Unione europea ha diritto di votare e di candidarsi alle elezioni europee e municipali in uno stato membro diverso da quello di origine.

Poteri e funzioni

Il trattato di Maastricht ha dato al Parlamento, eletto dai Cittadini dell’Unione, un diritto d'iniziativa legislativa, limitato però alla facoltà di chiedere alla Commissione di presentare una proposta su di un certo argomento.

Il Parlamento europeo ha tre funzioni principali:

•           discute e approva le normative europee, insieme al Consiglio UE;

•           controlla le altre istituzioni dell'UE, in particolare la Commissione, per accertarsi che agiscano democraticamente;

•           discute e adotta il bilancio dell'UE insieme al Consiglio UE.

La funzione legislativa

La procedura di co-decisione con il Consiglio UE, o procedura ordinaria, prevede i seguenti passi:

1-    Prima lettura - in Consiglio e in Parlamento - della proposta preparata dalla Commissione. Il Parlamento elabora una posizione, in sostanza una serie di emendamenti, sulla proposta, e la trasmette al Consiglio; in mancanza di proposte di emendamento da parte del Consiglio, l'atto è adottato nel testo corrispondente alla posizione del Parlamento. Se invece il Consiglio ha una posizione diversa, la comunica al Parlamento.

2-    Si arriva così a una seconda lettura: Il Parlamento approva o respinge la posizione comune del Consiglio. Se lo approva, l’iter si conclude.

3-    Se invece il Parlamento propone emendamenti il testo emendato viene comunicato al Consiglio e alla Commissione, che formula un parere. Se entro tre mesi il Consiglio approva tutti gli emendamenti, l'atto in questione si considera adottato.

4-    Se il Consiglio non approva tutti gli emendamenti, il Presidente del Consiglio, d'intesa con il Presidente del Parlamento, convoca il Comitato di Conciliazione, formato da tanti membri del Parlamento quanti sono gli Stati membri (28) e dai membri del Consiglio (o loro delegati), con la partecipazione della Commissione. Entro sei settimane elabora un progetto comune e lo trasmette a Parlamento e Consiglio. Qualora non si giunga ad un accordo, la procedura si conclude senza l'approvazione dell'atto.

5-    Altrimenti si arriva alla terza lettura, quella della proposta del Comitato di Conciliazione. Se il Parlamento approva a maggioranza dei votanti, ed il Consiglio a maggioranza qualificata, l'atto è adottato; se il progetto viene respinto, o almeno uno dei due organi non si pronuncia, l'atto non è adottato.

Il controllo del Parlamento sulle altre istituzioni europee.

Il Parlamento approva ogni nuova Commissione. Non può bocciare un singolo candidato, ma deve accettare o respingere la Commissione nel suo insieme. Il Parlamento può inoltre richiedere le dimissioni della Commissione durante il suo mandato, approvando una "mozione di censura".

Il Parlamento esercita il controllo sulla Commissione soprattutto tramite l'esame delle relazioni che essa gli sottopone e interrogando i commissari. Le commissioni parlamentari svolgono un ruolo importante a questo proposito.

Il Parlamento adotta il bilancio annuale dell'UE insieme al Consiglio dell'Unione europea. Un'apposita commissione parlamentare verifica come vengono spese le risorse di bilancio e prepara il voto con cui ogni anno il Parlamento decide se approvare il modo in cui la Commissione ha gestito il bilancio dell'anno precedente.

L’ammissione di nuovi stati all’Unione deve avere l’approvazione del Parlamento.

Gli eurodeputati inoltre esaminano le petizioni presentate dai cittadini e istituiscono commissioni d'inchiesta.

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.