Islanda
ed Europa

26/06/2012

 

Nel 2009 l’Islanda chiese  di entrare nell’Unione Europea, nel 2010 si condussero le trattative d’ingresso.  Allora l’Islanda era in pieno tracollo finanziario e le sue banche stavano fallendo. L’opinione pubblica era allora favorevole ad adottare l’Euro per ricostruire il proprio settore finanziario ancorandolo ad una valuta stabile e forte.

Reykjavik ha già forti legami economici e culturali con l’Europa continentale, specialmente con i paesi nordici, dato che fu in passato soggetta alla monarchia norvegese e a quella danese. Fa già parte del mercato unico europeo e dell’area Shengen. Il 78 % delle sue esportazioni sono verso l’Europa. Avendo una popolazione piccolissima (318.000  abitanti) non ha esercito ed è sotto l’ombrello difensivo NATO.

Ma l’ingresso nell’Unione Europea richiederebbe all’Islanda alcuni sacrifici importanti, soprattutto  nell’ambito della pesca. I diritti di pesca nei mari europei sono suddivisi da Bruxelles fra i paesi membri.   L’Islanda vive di pesca e non vuole accettare limitazioni ai propri diritti di pesca nell’Oceano Atlantico. Per questo ha già avuto diverbi con Inghilterra, Spagna e Irlanda.

Con Olanda e Inghilterra l’Islanda ha anche un’altra questione aperta: dopo il fallimento della banca islandese Icesave, Inghilterra e Olanda hanno coperto le perdite dei propri cittadini con depositi all’Icesave, ed ora vogliono essere rimborsate dall’Islanda.   

La posizione dell’ Islanda è di grande importanza strategica per l’ Europa, soprattutto ora che le grandi potenze sono intente ad accaparrarsi le risorse minerarie dell’Artico e l’uso dei mari artici per la navigazione, visto che il riscaldamento terrestre potrebbe renderli facilmente navigabili entro qualche decennio. La Cina sta mostrando grande interesse alle risorse della regione artica, e il Canada ha appena offerto all’Islanda di usare il dollaro canadese come moneta ufficiale al posto della corona o dell’euro. 

L’Europa - soprattutto gli stati nordici - farà tutto il possibile perché l’Islanda entri nell’Unione. Ma l’opinione pubblica islandese appare ora contraria. Questo perché gli Islandesi già godono di tutti i vantaggi dell’UE pur senza esserne membri: diventarne membri significa soltanto accettare limitazioni e doveri cui ora possono sottrarsi. E l’ingresso nell’eurozona non è più allettante come in passato. Perciò al prossimo referendum sull’entrata dell’Islanda nell’Unione Europea, previsto nel 2013, gli Islandesi potrebbero votare no.

 

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.