Hamas ci riprova

12/04/2011

I ripetuti lanci di missili da Gaza su Israele della prima decade di aprile 2011 sono il tentativo di Hamas di risvegliare l’interesse del mondo arabo per Gaza, e forzare l’Egitto a rivedere la politica di Mubarak verso Hamas e verso Gaza. Anche l’assassinio della famiglia Fogel a fine marzo nel West Bank rientra in un piano di provocazioni rivolte a Israele, per obbligare il governo israeliano a reagire e scatenare una guerra in cui il mondo arabo, già in rivolta contro i propri dittatori, non poterebbe che schierarsi contro Israele.

Questi ripetuti tentativi di obbligare Israele a reagire agli attacchi e alle provocazioni  con  una guerra  sono sino ad ora andati a vuoto non soltanto perché il governo israeliano mantiene i nervi saldi, ma anche per l’intervento  della Turchia e dell’Arabia Saudita, che sia  attraverso la Siria sia direttamente tentano di impedire ad Hamas ed Hezbollah di  provocare una guerra,  che in questo momento aggraverebbe le difficoltà  di tutti i governi della regione, soprattutto perché provocherebbe una saldatura ideologica fra l’opposizione islamista e l’opposizione democratica.

L’opposizione democratica in Egitto, in Libia, in Yemen, in Siria, in Tunisia si è ribellata ai dittatori senza mai invocare gli slogan anti-sionisti e l’odio antisionista tradizionale delle piazze arabe: questo ha suscitato meraviglia fra gli osservatori. È la prima volta che succede in 60 anni. Questo ha suscitato in Hamas il timore che il cambiamento di regime in Egitto possa non comportare nessun cambiamento di politica verso  Gaza, e che il futuro governo  egiziano riconfermi  il blocco della frontiera. La partecipazione egiziana al blocco delle frontiere di Gaza è elemento essenziale per contenere ogni possibile espansione dell’influenza di Hamas anche nel West Bank. I tentativi di Hamas di provocare Israele non si possono considerare esauriti: le prossime settimane saranno probabilmente costellate di provocazioni da varie fonti.

I ripetuti lanci di missili da Gaza su Israele della prima decade di aprile 2011 sono il tentativo di Hamas di risvegliare l’interesse del mondo arabo per Gaza, e forzare l’Egitto a rivedere la politica di Mubarak verso Hamas e verso Gaza. Anche l’assassinio della famiglia Fogel a fine marzo nel West Bank rientra in un piano di provocazioni rivolte a Israele, per obbligare il governo israeliano a reagire e scatenare una guerra in cui il mondo arabo, già in rivolta contro i propri dittatori, non poterebbe che schierarsi contro Israele.

Questi ripetuti tentativi di obbligare Israele a reagire agli attacchi e alle provocazioni  con  una guerra  sono sino ad ora andati a vuoto non soltanto perché il governo israeliano mantiene i nervi saldi, ma anche per l’intervento  della Turchia e dell’Arabia Saudita, che sia  attraverso la Siria sia direttamente tentano di impedire ad Hamas ed Hezbollah di  provocare una guerra,  che in questo momento aggraverebbe le difficoltà di tutti i governi della regione, soprattutto perché provocherebbe una saldatura ideologica fra l’opposizione islamista e l’opposizione democratica.

L’opposizione democratica in Egitto, in Libia, in Yemen, in Siria, in Tunisia si è ribellata ai dittatori senza mai invocare gli slogan anti-sionisti e l’odio antisionista tradizionale delle piazze arabe: questo ha suscitato meraviglia fra gli osservatori. È la prima volta che succede in 60 anni. Questo ha suscitato in Hamas il timore che il cambiamento di regime in Egitto possa non comportare nessun cambiamento di politica verso  Gaza, e che il futuro governo  egiziano riconfermi  il blocco della frontiera. La partecipazione egiziana al blocco delle frontiere di Gaza è elemento essenziale per contenere ogni possibile espansione dell’influenza di Hamas anche nel West Bank. I tentativi di Hamas di provocare Israele non si possono considerare esauriti: le prossime settimane saranno probabilmente costellate di provocazioni da varie fonti.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.