Tragedie e splendori nella storia polacca ieri, oggi e domani

14/12/2010

Da un articolo di George Friedman per Strategic Forecasting.

La Polonia ottenne l’indipendenza nel 1918: a Versailles venne rappresentata dal primo ministro Ignacy Paderewsky, bravo pianista e uno dei migliori interpreti di Chopin. Allora venne ripristinata la Grande Polonia e Paderewski gettò le fondamenta dello stato moderno. […] Alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale la Germania e l’URSS si allearono per spartirsi la Polonia, e Danzica fornì ai Tedeschi il pretesto per l’invasione.

Una storia di tragedia e grandiosità

La storia polacca è ricca di tradimenti, soprattutto da parte della Francia. In ogni caso anche se Francia e Gran Bretagna fossero corse in aiuto di Varsavia nel 1940, onorando l’impegno preso, non avrebbero potuto fare molto: la Polonia crollò in meno di una settimana, e nessuno può aiutare un paese che crolla così in fretta.

I Polacchi […] utilizzarono la cavalleria contro i mezzi corazzati tedeschi – un gesto dall’alto valore simbolico – e condussero la guerra come se fosse un’opera d’arte. […]Se ascoltate Chopin attentamente vi accorgerete che coraggio e arte fanno inequivocabilmente parte della Polonia. I Polacchi si aspettano sempre di essere traditi e di andare incontro alla sconfitta. E il loro orgoglio li porta ad affrontare la catastrofe con grande dignità.

La Polonia si trova nella Grande Pianura Europea ed è priva di confini geografici chiari – montagne, fiumi  – che la proteggano da attacchi esterni. Nel XIX secolo era circondata a est dall’impero russo, a ovest dalla Prussia (che divenne Germania nel 1871) e a sud dall’Impero Asburgico (fino al 1918). […]

Il destino della Polonia […] dipende da quello che decidono i suoi vicini: quando Russia e Germania uniscono le forze e trasformano la Polonia in un campo di battaglia, i Polacchi non hanno scampo. L’unica speranza è che qualcuno dall’esterno corra in soccorso di Varsavia. Di solito però questo non è possibile: nessuno può aiutare qualcuno che non è in grado di aiutarsi da solo. […]

La storia della Polonia non è fatta solo di sconfitte: prima della nascita dell’Impero Russo, dell’Impero Asburgico e della Prussia, nella regione dominava la Confederazione Polacco-Lituana, una delle grandi potenze europee dell’epoca.  Mentre i Tedeschi erano divisi, i Russi deboli e gli Austriaci occupati a fronteggiare gli Ottomani, Varsavia seppe approfittare della situazione. I Polacchi sono orgogliosi del loro grande passato, di cui parlano sempre, […] mentre cercano di rifuggire dal presente e dalla storia recente. […] Finché Russia e Germania non esistettero la Polonia fu una grande nazione, ma oggi non lo è più.  Tuttavia potrebbe esserci una soluzione per uscire da questo stato di empasse.

La Polonia, la Russia e l’Europa.

La Polonia, proprio come gli altri paesi dell’Est, crede che l’UE rappresenti ‘la soluzione’ a tutti i problemiGrazie all’UE, la Germania è stata domata, perché ormai inserita in una struttura istituzionale che elimina le minacce reciproche. I Polacchi credono che la Russia non sia più un pericolo perché la sua economia è debole […]. La minaccia da sud è scemata, dato che l’Impero Austro-ungarico si è dissolto in una miriade di nazioni deboli.

In poche parole i Polacchi sono certi che i pericoli lungo la Grande Pianura Europea sono scomparsi. Dal mio punto di vista questa visione ha qualche punto debole.

La Germania sta ripensando il proprio ruolo all’interno dell’UE, non perché le elite tedesche siano contrarie all’Unione, ma perché dopo la crisi del 2008 hanno molto meno spazio di manovra. I cittadini Tedeschi non vedono di buon occhio i prestiti che il governo tedesco è stato costretto – e probabilmente sarà costretto – a erogare ai paesi in difficoltà. […]

Per la Germania l’UE si sta trasformando in una trappola economica, e Berlino vuole ridisegnare le istituzioni europee per avere il controllo della politica economica dell’Europa.

È possibile che con le nuove riforme emerga un’Europa a due livelli dove i paesi che avranno i conti in regola e una struttura economica solida (protettori) avranno più potere degli altri (clienti).

La Polonia sta crescendo rapidamente ed è al primo posto fra i paesi dell’Est. Ma presto i finanziamenti europei finiranno e Varsavia dovrà risolvere i problemi economici interni – fra cui quello della riforma delle pensioni. Non è detto dunque che conservi la propria posizione dominante negli anni a venire […].

In ogni caso la Germania e gli altri membri dell’UE non hanno né le risorse nè l’intenzione di ‘mantenere’ i paesi in difficoltà.[…]. La Polonia iniziasse potrebbe essere sottoposta agli stessi controlli dell’Irlanda. Un alto funzionario polacco mi ha detto che […] l’intervento di un organismo sovranazionale non violerebbe la sovranità nazionale.  Probabilmente non capiva il nocciolo del problema: la possibilità di decidere chi tassare e come distribuire il denaro è l’essenza di uno stato sovrano. […] L’intervento sovranazionale significherebbe che  qualcun altro, probabilmente i Tedeschi,  controllerebbe le spese per difesa, educazione, società. Se la politica fiscale è sottoposta a controllo esterno, il concetto stesso di sovranità viene meno.

E qui si arriva al fulcro della discussione: l’intenzione. Tutti mi hanno ripetuto che la Germania non intende rubare la sovranità a nessuno, ma semplicemente ristrutturare l’UE cooperando con gli altri stati. Io so bene la Germania della Merkel non vuole sottrarre sovranità a nessuno, ma come possiamo sapere che cosa accadrà quando cambierà il governo? La Merkel stessa non può agire liberamente, ma deve tenere conto della realtà. Non va poi dimenticato che i Tedeschi vogliono ristrutturare l’Unione per avere più potere. E avere il potere conta più delle buone intenzioni. 

[…] Durante le discussioni sulla Russia i Polacchi sottolineano che:

1)    la Russia è economicamente debole e non rappresenta una minaccia;

2)    il controllo della Russia sull’Ucraina e sulla Bielorussia è minore di quanto sembri.

Io sono d’accordo solo in parte: i Russi non hanno intenzione di ricreare l’impero sovietico, perché non vogliono sobbarcarsi il peso di gestire la politica interna dei paesi limitrofi. Tuttavia continueranno a gestire la politica estera a proprio vantaggio. Questo significa che Mosca impedirà a Kiev e Minsk di stringere alleanze con le nazioni occidentali e continuerà a mantenere propri militari sul suolo ucraino e bielorusso.

Anche l’argomento della debolezza russa non mi pare convincente. La Russia è senz’altro debole rispetto agli Stati Uniti, ma non è debole rispetto all’Europa o ai paesi alla sua immediata periferia. Nonostante le difficoltà economiche e la crisi demografica Mosca detiene tuttora il controllo di beni economici strategicamente importanti – es. l’energia. Peraltro la Russia è sempre stata in difficoltà economiche – lo era già al tempo di Napoleone – ma la sua capacità militare è sempre stata sproporzionata rispetto alle condizioni dell’economia.

Discutendo della dipendenza energetica tedesca, i politici polacchi si sentono rassicurati dal fatto che la Germania importa solo il 30% dell’energia dalla Russia. Ma senza quel 30% l’economia tedesca non sopravvivrebbe, e questa è un’importante arma nelle mani dei Russi. Anche la Russia ha bisogno degli introiti della vendita di gas e petrolio, però può sopravvivere senza questi introiti molto più a lungo di quanto possano sopravvivere gli Europei senza energia.

C’è poi la questione della cooperazione russo-tedescaLa dipendenza della Germania dall’energia russa e la costante domanda russa di tecnologia occidentale (soprattutto tedesca) ha innescato una certa sinergia fra i due paesi, con conseguente un aumento della collaborazione diplomatica. Negli ultimi dieci anni Putin ha risollevato la Russia, e ora sta cercando di allontanare l’Europa – specialmente la Germania – dagli Stati Uniti. […]

È difficile pensare che un accordo fra Germania e Russia non faccia venire i brividi ai Polacchi, anche se Germania e Russia non intendono fare nulla di male alla Polonia. Ma in una stanza con un elefante e un topolino l’elefante, seppur non intenzionalmente, finirà col far del male al topolino.

I Polacchi non hanno scelta. Quando proposi l’idea dell’Intermarium sostenuto dagli Stati Uniti, un funzionario del ministero degli esteri sottolineò con amarezza che la Germania ha offerto due divisioni alla Polonia in caso di attacco, gli USA  una sola. I Polacchi si sono sentiti traditi quando Washington ha rinunciato alla costruzione di un sistema anti missili balistici (BMD) […] e non credono che gli Stati Uniti vogliano offrire aiuti concreti.

La Polonia e gli Stati Uniti.

[…] Ma nessuna nazione affida il controllo sulle prerogative nazionali fondamentali – ad esempio l’economia – a organizzazioni sovranazionali, specialmente se sono dominate da un ex nemico storico – come la Germania. Un paese può mantenere la propria sovranità soltanto se è in grado di difenderla. Chiaramente Varsavia sa bene di non poter resistere di fronte a Russia e Germania alleate contro di lei, non da sola, ma può cercare di guadagnare tempo. Può stringere patti con Mosca e Berlino, sperando che questa volta vada bene. […] Ma così facendo la Polonia sa di rischiare il proprio futuro come  nazione.

Secondo me i Polacchi si sentono al sicuro adesso, ma non hanno certezze per il  futuro. […] Trovandosi fra Russia e Germania […] rischiano di essere stritolati. Ma hanno alcuni mezzi per evitare che questo accada.

1)    La Polonia dovrebbe elaborare una strategia per ‘vendere cara la pelle’, in caso di attacco esterno. Questo richiederà tempo e denaro, ma non può che giovare al futuro del paese.

2)    Con la costruzione dell’Intermarium (un’alleanza che va dalla Finlandia alla Turchia) Varsavia potrebbe proteggersi dalle inefficienze della NATO. L’Alleanza Atlantica è stata studiata per far fronte alla Guerra Fredda, ma ora che la situazione è cambiata si è svuotata di significato […]. L’Unione Europea non è un solido paradiso, e la Polonia se ne renderà conto. L’UE ha 18 anni: non sono nulla nella storia d’Europa, e la struttura dell’UE sta scricchiolando. La Germania è in grado di sopravvivere all’UE senza problemi. Ma se l’Unione si sgretolasse che cosa accadrebbe alla Polonia? […]

3)    Infine la Polonia non può rinunciare ai rapporti con gli Stati Uniti. Certamente gli ultimi anni dell’amministrazione Bush e i primi dell’era Obama non sono stati rosei per le relazioni fra USA e Polonia. Non bisogna però dimenticare che gli USA sono intervenuti più volte nel XX secolo […] per impedire un’intesa russo-tedesca e l’ascesa di una potenza egemone in Europa [...] che metterebbero a repentaglio anche la sicurezza degli Americani. […] E questo potrebbe tornare utile alla Polonia.

Forse l’Unione Europea si rimetterà in carreggiata, e magari un giorno nascerà davvero una confederazione di nazioni uguali, come prevede il progetto originale. E magari la Russia non farà nulla per opporvisi. Ma se così non fosse, quale sarebbe il destino della Polonia? […]

Noi (Americani) dipendiamo dalla Polonia molto più di quanto pensiamo: più aspettiamo più rischiamo di trovarci di fronte a una nuova tragedia. Né i Russi né i Tedeschi sono dei mostri, ma come ci ha insegnato Chopin, c’è una grande differenza fra ciò che vorremmo essere e ciò che siamo in realtà.

 

Lascia un commento

Vuoi parteipare attivamente alla crescita del sito commentando gli articoli e interagendo con gli utenti e con gli autori?
Non devi fare altro che accedere e lasciare il tuo segno
Ti aspettiamo!

Accedi

Non sei ancora registrato?

Registrati

I vostri commenti

Per questo articolo non sono presenti commenti.